• Pubblicata il
  • Autore: Ileana
  • Pubblicata il
  • Autore: Ileana

LA BORSA - Barletta Andria Trani Trasgressiva

LA BORSA

Si stavano riposando dopo aver fatto l’amore per la prima volta in quel week end.
Erano distesi sul letto sfatto, sonnecchiando girati sul fianco uno di fronte all’altra e i pensieri dell’uomo correvano fantasiosi e un po’ contradditori, come sempre in lui !
Da un lato era molto soddisfatto, “…e che diavolo – pensava – mica capita a tutti di avere a 45 anni una relazione con una ragazza di 21 !!”, dall’altro sentiva sempre di più la mancanza di quella cosa ed era indeciso se parlargliene o no, un po’ per paura di perderla e un po’ per pudore, perché “quella cosa” gli sembrava troppo strana per essere capita a fondo ! Pensava anche però che, se fosse riuscito a realizzarla con lei, di sicuro e per quanto lo riguardava, quella relazione avrebbe fatto un’enorme salto di qualità !
Ci sono momenti in cui è l’istinto che domina l’azione; l’istinto spesso è in grado di valutare le situazioni in maniera irrazionale, ma tenendo conto di tutte le componenti possibili, ben oltre la nostra consapevolezza raziocinante ! E così, Lui, d’istinto allungò una mano appena sotto il letto e ne estrasse una borsa, anzi… “la borsa”, quella che egli aveva ogni volta portato con sé e che mai aveva avuto il coraggio di mostrare e che era un po’ la borsa dei suoi sogni !
La prese e la mise tra di loro, guardando in viso la ragazza che prima fece un’espressione stupita e divertita insieme e poi chiese sorridendo:“Cos’è ?”.
“Aprila, dentro ci sono delle cose.., vorrei sapere che effetto ti fanno…!”, le disse e subito staccò gli occhi dal suo viso.
La ragazza lo guardò, curiosa e divertita e si mise a sedere sistemandosi il cuscino dietro la schiena per stare comoda. Aprì la borsa e ficcò immediatamente dentro la mano andando a rimestare tra le varie cose che sentiva all’interno. Lui la guardava di sottecchi, senza avere il coraggio di fissarla spregiudicatamente, ma attento a ogni suo gesto e espressione.
Dapprima lei dimostrò incertezza, non capiva al momento cosa potessero essere quegli oggetti. La sua mano incontrò un qualcosa che doveva essere di stoffa e quella fu la cosa che estrasse per prima. Era un perizoma, nero con delle leggere striscioline di ricami cucite sui bordi del triangolo e che proseguivano a costituire i fili che lo rendevano indossabile.
“Che bello… - disse lei – è per me ?”,
“No, - rispose Lui – è per me !”.
E subito si sentì avvampare e evitò accuratamente di guardarle il viso. Però, ormai…insomma…era fatta !! A quel punto poteva solo andare avanti, cercare di farle capire questo suo lato oscuro e sperare….! Sentì in lui la carica che prova l’avvocato prima dell’arringa: sarebbe certamente andata a finire male, pensava, ma almeno avrebbe finalmente detto la sua, sostenuto le sue ragioni e quantomeno, avrebbe cominciato a capire le reazioni di una donna davanti a queste fantasie !
Lei lo guardò con un punto di domanda stampato negli occhi ! Non si curò di capire bene la risposta e preferì riaffondare le mani nella borsa. Ne estrasse prima un paio di calze autoreggenti, subito dopo un paio di scarpe nere alte con tacco. Riguardò Lui e sempre con la mano dentro la borsa ne estrasse un dildo a perfetta imitazione dell’organo maschile, testicoli compresi, poi ancora una specie di cuneo tondo stretto alla base, che lei guardò per un attimo con curiosità, prima di appoggiarlo sul letto e rimettere la mano dentro la borsa, dalla quale tirò fuori in rapida successione, un paio di manette, un foulard, un frustino da equitazione, e qualche pezzo di cordicella. Il suo viso adesso era diventato rosso fuoco, mentre sistemava tutte quelle cose meccanicamente e ordinatamente sul lenzuolo tra loro due !
“E’ tutto…tutto per te ?”, chiese con un filo di voce.
“Beh – rispose lui – è per me, ma perché tu possa usare tutto su di me e come pare a te !”
Lei lo guardò fisso, non capiva ancora, anche se ormai aveva capito che al fondo di tutto questo, c’era un desiderio di lui di provare una qualche trasgressione che però lei non afferrava bene ! In lei però stava insorgendo un timore non ben definito, forse quello di essere in procinto di subire una grossa delusione o peggio, di essersi invischiata in una situazione perversa e forse pericolosa ! Svanì quindi in lei ogni residua eccitazione e si mise subito sulla difensiva allontanandosi per quanto poteva da Lui e coprendosi istintivamente il seno con il lenzuolo !
Lui capì che adesso doveva giocare il tutto per tutto:
”Ascolta, amore…non aver paura ! Voglio solo parlarti di quella che per me è una seconda natura, ma innocua, sì, assolutamente innocua per te ! Mi vergogno molto a parlartene e so che rischio molto nel farlo ! Non ne ho mai parlato con nessuno, ci ho solo fantasticato molto sopra, da solo massimamente e spesso nelle chat. Insomma, tesoro io più che “possedere” te donna, vorrei “essere” posseduto: vorrei che a te piacesse sapere che io sono tuo, non solo nel senso normale del termine, ma proprio “tuo”, anima e corpo ! E che tu mi mettessi alla prova e che a te piacesse scoprire quanto io possa essere tuo e che ti eccitassi nel farlo con ogni mezzo ! Vorrei che tu apprezzassi la mia componente femminile che mi chiede continuamente di essere soddisfatta.
Dio mio, amore…come mi vergogno a dirti queste cose ! Anche perché, vedi, non è la semplice voglia di un gioco sessuale che mi attrae, ma è proprio un qualcosa che è dentro di me che vorrei che tu tirassi finalmente fuori ! Vorrei essere usato da te, almeno qualche volta….! Io, io…non so cosa farei per te se solo tu mi potessi capire…”.
Fu interrotto da un singhiozzo e si portò le mani a nascondere il viso e per non vedere lei. Poi, non fu più capace di riprendere a parlare e scese tra loro un silenzio pesante che lei ruppe solo dopo qualche minuto:
“ Ma tu…dimmi…., mi hai preso per una puttana ? Una puttana alla quale chiedere le cose più strane ? Vuoi dire che io mi sono innamorata di uno che mi considera una puttana da….”, ma non finì la frase, perché quasi un urlo di lui, la interruppe:
“Nooooo !!! No, amore….io sono una puttana, capisci ? e il peggio è che mi piace essere puttana !! Essere la puttana di chi amo, concedermi a lei totalmente, senza riserve…con gioia ! Io sono una puttana, io sono una puttana…non tu…!!!”, ripeté quasi piangendo Lui.
Per la prima volta, lei si rese conto che Lui stava parlando di se stesso seriamente, che veramente sentiva quello che diceva e i suoi timori rientrarono un po’, anche se non del tutto e istintivamente allungò la mano sulla testa di Lui in un gesto affettuoso e di comprensione: “Dai su,..non fare così…, vediamo di capirci meglio, forse per colpa mia hai drammatizzato troppo la questione ! Insomma, cosa vuoi che faccia o meglio cosa vuoi che sia io per te, almeno in certi momenti..?!”.
Lui prese la mano di lei e se la portò sulle labbra a baciarla con gratitudine. Era ancora sconvolto, ma sentì che quel groppo che gli bloccava lo stomaco si stava sciogliendo:
“Grazie, amore…sapessi come è difficile dirti queste cose ! E ancora più difficile spiegarle ! E quanto mi vergogno, anche ! Tu, tu sei una ragazza così perfetta, così naturale ! Ti piace fare l’amore, ci metti tutta te stessa, sei dolce…anche dopo, quando ti piace essere coccolata tra le mie braccia ! E io rischio di rovinare tutto questo per colpa mia e di queste mie pulsioni ! Tu sei solare ! E io non voglio diventare la notte per te, perché nel mio intimo c’è il buio, una specie di buco nero nel quale vorrei annegarmi e scomparire ! Vorrei provare la sensazione, anzi, l’emozione di annullarmi per te e che tu provassi per questo la mia stessa emozione ! Io mi offro a te, capisci ? Perché tu, in questa specie di inversione di ruoli, possa provare insieme a me l’emozione di possedermi anima e corpo, disponibile a dartene ogni prova ! Vuoi, amore ? Vuoi tentare di scatenare con me ogni tua fantasia e realizzarla fino in fondo ? Vuoi constatare quanto mi eccita essere tuo ? Ti assicuro che anche le peggiori umiliazioni saranno per me un dono che mi vuoi fare e che io ricambierò con sempre maggior disponibilità e amore!”.
La ragazza rimase silenziosa, ma adesso sorrideva. In un certo senso si sentiva inorgoglita di essere ritenuta da Lui all’altezza di realizzare questa sua passione ! E poi, pensandoci bene, poteva essere anche un modo nuovo di vivere la sessualità, di uscire dagli schemi. Le sue fantasie, pensava, non erano mai andate oltre l’immaginare uomini diversi fisicamente; qualche volta uomini belli, spesso uomini più grandi di lei, e…qualche volta si era persa a immaginarsi con delle ragazze o magari con delle coppie ! Ma non era mai andata oltre con la sua fantasia. Per un attimo si sentì banale anche nelle fantasie, perché Lui le aveva rivelato un orizzonte diverso, dove il sesso non era canonizzato in schemi precisi e prefissati. Dove i ruoli magari, erano intercambiabili, dove si poteva entrare e uscire a piacimento in e da personalità diverse che magari convivevano senza saperlo ! Non aveva idea di cosa esattamente doveva fare, ma pensava anche che Lui stesso l’avrebbe instradata e poi…poi lei si sentiva sicura di saper camminare con le proprie gambe ! E poi, Lui era una persona colta e certamente, se lui diceva quelle cose, voleva dire che le aveva prima esaminate attentamente dentro di lui alla luce proprio della sua cultura e della sua sensibilità.
Questi pensieri, piano piano, si trasferirono dal cervello al basso ventre ! In fondo…, sempre di sesso si trattava, anche se intuiva che adesso il sesso era forse in secondo piano rispetto all’ingombro che sentiva nel cervello! Confusamente capiva che c’era qualcosa oltre al piacere sessuale, forse di più intrigante e coinvolgente: forse era dovuto al fatto che quell’uomo, davanti a lei, si era confessato, aveva ammesso la sua natura un po’ strana, ma certamente interessante e che andava sondata ! E lei ? Lei adesso aveva voglia ! Voleva prendersi il piacere, ma si rendeva anche conto, che avrebbe potuto prenderselo come mai aveva fatto: però…non sapeva come fare, come ottenere il massimo del piacere ! In fondo, fino a quel momento, sessualmente si era “adeguata” e, più di tanto, non aveva mai preso l’iniziativa ! Adesso le era proposto, e proprio da un uomo che le piaceva, di prendersi qualunque cosa, di decidere lei ! Meraviglioso, ma…non sapeva come fare ! Si arrabbiò con se stessa, ma contemporaneamente guardò Lui non più solo come un amante, ma come un “uomo di piacere” …, disponibile e felice di essere a disposizione !
Lui la guardava con un’espressione adorante e carica di speranza ! Capiva che la ragazza stava vivendo un conflitto interiore, ma aveva anche capito che non era ancora decisa di rifiutare !
Lei intanto aveva lasciato cadere il lenzuolo riscoprendo nuovamente il seno: “Tutto quello che voglio… - pensava – tutto quello che mi viene in mente…” e gli venne in mente un episodio di poco conto, ma che a suo tempo, l’aveva colpita.
Fu quando, dopo aver fatto l’amore col suo ex fidanzato, era andata in bagno lasciando inavvertitamente aperta la porta alla quale, inconsapevolmente, si affacciò lui ! Grande imbarazzo, scuse reciproche.., ma a lei era rimasta impressa l’eccitazione del suo ragazzo e, pensandoci dopo, quasi avrebbe voluto che non scappasse, ma che si fermasse a guardarla anche in quella situazione così intima !
“Mi scappa la pipì… – gli disse alzandosi dal letto splendidamente nuda – vieni con me ?”
Lei stessa fu colpita dal suo stesso coraggio; pensava che forse non era gran ché, ma era la prima cosa frizzante e un po’ trasgressiva che le era venuta in mente…!
Lui fece per seguirla cercando di coprirsi con il lenzuolo, ma lei lo guardò e si trovò a dire, ancora con stupore e molta naturalezza: “No,…, anche tu..nudo !”.
Lui la seguì, rimase in piedi a guardarla mentre si sedeva e allargava le gambe perché lui potesse vederla bene. Sorrideva guardandolo mentre il liquido le scorreva fuori e, quando ebbe finito, bastò un lievissimo cenno della sua testa perché Lui si gettasse in ginocchio col viso tra le sue cosce a baciarla. Lei gli appoggiò una mano sui capelli e cominciò ad accarezzarlo dolcemente, quasi a confortarlo con quelle carezze, perché quell’uomo in quel momento…piangeva !

THE END 





Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
18/05/2008 09:01

Don king

Il voto non è x premiare la veridicità della storia che è chiaramente di fantasia, ma x l'argomento finalmente nuovo e diverso, e x il modo in cui è stata scritta. I miei + calorosi complimenti x il giusto misto di emozioni patos e descrizione. Non sei mai caduta nell'errore di dilungarti troppo ma al tempo stesso non sei troppo concisa, mai prolissa ma attenta al giusto mix di particolari. Il tuo perfetto italiano, finalmente, rende il racconto molto piacevole da leggere. Cara Ileana complimenti, hai un grandissimo talento a scrivere storie. Aspetto la seconda parte al + presto, e se tu volessi raccontarmela privatamente sarei felice di darti la mia e-mail. Brava!

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati