La mia Padrona:mia moglie

LA MIA PADRONA : MIA MOGLIE di ghibel

+++
E’ qualche mese che ho una Padrona: mia moglie:
Tutto cominciò quasi per caso…un sabato pomeriggio di prima estate…

+++
Non so perché, ma quel pomeriggio, dopo averla messa in moto, scesi dall’automobile e mi piazzai vicino alla portiera del passeggero.
Mia moglie stava arrivando di corsa, con borse e fagottini; era affannata.
“Scusami -mi disse imbarazzata ; temeva la mia insofferenza per il ritardo- scusami tanto; ma ho perso un po’ di tempo..non trovavo uno di questi pacchi…scusami, so che hai fretta… abbi pazienza…”.
“Non preoccuparti,cara…-risposi- i pacchi dalli a me… sistemo tutto nel portabagagli. Intanto tu accomodati…”
Aprii la porta e, una volta che mia moglie, dopo un attimo di titubante sorpresa, si fu accomodata
la rinchiusi con delicatezza.
Sistemati borsa e pacchi, salii in macchina.
“Che strada desideri fare?”
Per andare in città le alternative erano due, ma io avevo sempre infilato quella di destra senza mai chiederle alcun parere.
Mia moglie non rispose, ma, dopo un attimo di sorpresa, puntò l’indice a sinistra.
Osservai, mentre svoltavo a sinistra, un’espressione di profonda meraviglia negli occhi di mia moglie.
Lungo il percorso mi accodai ad una piccola automobile, quelle mini vetture che si guidano senza patente e che procedono a passo di lumaca:
Mi allargai per sorpassarla.
“Non sorpassare, seguila…da bravo…”disse mia moglie.
Io staccai la freccia e mi accodai per lunghi trenta chilometri senza più azzardare- e non ne capivo il perché ma sentendone intimamente piacere- il sorpasso.
Al parcheggio scesi, mentre mia moglie controllava la pettinatura sullo specchietto di cortesia, dopo si ripassò il rossetto; mi sembrava volesse guadagnar tempo e non fece nessun cenno di scendere…Fin quando io non aprii la portiera.
Lei sorrise con gli occhi più che con le labbra e stese lentamente la gamba destra fuori dall’automobile, al che la gonna si alzò fino alla cucitura delle calze; io ebbi un sussulto e provai un forte turbamento. Mi stese la mano, la sorressi, lei si ravvivò i capelli
“Aprimi per favore il portabagagli ; devo prenderei pacchi…”
“…Lascia fare a me ...”risposi affannato.
Mi caricai dei pacchi; mia moglie mi prese a braccetto.
“Tienli ben ritti , caro…ahi ,ahi, ahi, quello è al contrario…Rovesci tutto così-aggiunse strattonandomi lentamente ma con decisone l’orecchia- sei una frana… – sussurrò sorridendo e continuando a scuotermi l’orecchia-… una frana… mio caro…mio caro buono a nulla…”mormorò avvicinando il suo naso al mio e dandomi, mentre il viso mi veniva irrorato del suo alito, la strattonata finale all’orecchia…
Quel “buono a nulla” , lo strattonare all’orecchia e il suo alito sul viso mi eccitarono all’inverosimile.
“Dammi che lo porto io…
“Ti prego, li tengo con cura… ti prego…lasciali a me…ti prego…”.
“Vediamo cosa combini…”
Portati i pacchi, ci sedemmo al solito caffè.
Prima di sedermi attesi, tenendole ferma la sedia, che si accomodasse; io rimasi in piedi fermo fin quando lei non mi disse : “Siedi…”
Faceva caldo; io normalmente prendevo una coppa di gelato crema e cioccolato e mia moglie di frutta con panna.
“Il solito?” chiese il cameriere.
“Per me la solita coppa di fragola e panna..; per mio marito un bicchiere di minerale non gasata e non fredda… Non c’è niente di meglio –aggiunse mia moglie mentre il cameriere sorpreso si allontanava- non c’è niente di meglio con questa calura dell’acqua non gasata e non fredda…vero caro?...”
“Si, tesoro, non c’è niente di meglio…hai proprio indovinato il mio pensiero…grazie…”.
Mentre sorseggiavo quell’acqua minerale non gasata e non fredda e vedevo mia moglie che-guardandomi di sottecchi- lentamente si gustava il gelato con un vago sorriso sulle labbra, pensavo alla stranezza di quella situazione. Una stranezza che mi sfuggiva nei suoi contorni ed alla quale non riuscivo a dare nessun significato, ma che nello stesso tempo mi era gradita. A mente fredda era inconcepibile, date le mie abitudini che io avessi chiesto a mia moglie di scegliere la strada da percorrere, che io avessi tenuto la velocità di una lumaca per attenermi al suo “Non sorpassare”, che l’avesse pregata di farmi portare i pacchi, che lei mi avesse strattonato un ‘orecchia ed infine ordinato lei per me al bar…. E tutto questo senza che io fiatassi…anzi che provassi compiacimento.
Ma era compiacimento o piacere ? Ed a stupirmi era soprattutto l’atteggiamento di mia moglie, normalmente verso di me remissiva e sempre timorosa di contraddirmi… sembrava che avesse captato, con sensibilità tutta femminile, una situazione psicologica maturata in me e si fosse rapidamente adeguata; perché in realtà, ad analizzare freddamente il mio comportamento, più che esaudire suoi desideri mi sembrava di obbedire a degli ordini.
“ Dia !… dia a me …”- disse mia moglie al cameriere che mi porgeva il conto.
Il cameriere eseguì stupito.
“Sono otto euro e cinquanta, metti dieci euro sul piattino ed il resto lascialo di mancia… andiamo!...”.
Io mi alzai e scosso da uno sguardo fermo e senza sorriso di mia moglie che non si muoveva, mi precipitai a spostarle la sedia.
Si alzò. Si sistemò con un gesto secco e preciso la gonna ed uscimmo; io la seguivo ad un passo.
Al parcheggio fui fermato da un amico; le diedi le chiavi della macchina ma mi accorsi che lei rimaneva ferma senza aprire la portiera.
Salutai rapidamente l’amico e le aprii la porta.
Lei si accomodò e mentre giravo la chiavetta della messa in moto disse dolcemente ma con fermezza tenendo lo sguardo fisso in avanti : “La prossima volta , caro, saluti senza fermarti…”
“Certo, tesoro…” .
“ Caro, quando ti dico qualcosa e così e solamente così… non è necessario quindi che tu dia conferma…”
Fui turbato, piacevolmente, da questa frase; mia moglie, mentre avviavo la macchina , mi sorrise, mi accarezzò il capo e, con l’altra mano, come per caso, si strattonò la gonna lasciando scoperte gran parte delle gambe … e così la lasciò per tutto il viaggio…; le tempie mi battevano con le vene che parevano scoppiare.

Dopo cena, normalmente lei s’appartava presto in camera da letto, mentre io mi attardavo a scrivevo od a fare lavoretti. Quella sera la seguii; lei non ritenne di dirmi nulla tanto era sicura.

“Aiutami..- disse- non appena fummo in camera- la camicetta…”
Le slacciai la cerniera: lei alzò le braccia a capii che gliela dovevo sfilare.
“ Su, da bravo…mettila in ordine sulla sedia.. possibile che ti debba dire tutto…;ora la gonna…”
Slacciai la cerniera della gonna ; lei la lasciò scivolare a terra… in slip, reggiseno e calze nere scoprivo in mia moglie una presenza nuova , ero impietrito come folgorato dall’emozione: Eppure l’avevo vista così molte e molte volte…ma mai avevo provato quel turbamento.
“Ma che fai così impalato…!Dai muoviti …imbranatone..., raccoglila e sistemala…”.
Quando mi girai, lei era seduta sul bordo del letto.
“Le calze!” disse sottovoce mentre stendeva una gamba.
Appoggiai un ginocchio sul pavimento.
Presi a sfilarle la calza; tremavo come una foglia e mi sembrava di impazzire per l’emozione.
Mentre gliela sfilavo mosse l’altro piedino in mezzo alle mie gambe; poi risalì lungo il corpo , si soffermò fugacemente sui capezzoli, e quindi mi accarezzò il viso dandomi anche due buffettini sulle guance. Il profumo del suo piedino ed i due buffettini mi fecero trasalire. Poi posò il piedino sulle mie labbra ed io rimasi come folgorato; tremavo ed ero immobile.
“Su …su forza… -sussurrò lei con il più dolce ed ammaliante dei sorrisi- forza…bacino…”.
Presi a baciarlo avidamente e non avrei più smesso, se lei non l’avesse ritirato.

Mi rialzai con le calze in mano ed ardevo dal desiderio di annusarle e baciarle. Le sistemai in ordine sulla sedia.
Appena a letto, mia moglie mi si avvicinò e prese ad accarezzarmi il petto, mi strizzò con le dita i capezzoli e poi mi passò lentamente l’indice , inumidito nella sua “rosa”, sulle labbra.
“Ed ora, da bravo, con la lingua…”.
Mi spinse fra le sue gambe e quella sera assaporai a lungo, inebriato e felice, il più dolce dei mieli.
Ogni tanto lei mi accarezzava il capo e sussurrava…”bravo…”.
Al “bravo” io andavo in fibrillazione e aumentavo l’impegno
Quando mi rialzò, mi si avvicinò e mi porse, fra le labbra, il seno; me lo tenne a lungo, ora uno ora l’altro. Lei si era messa supina, appoggiando la schiena sui cuscini; ed io ero rannicchiato in basso come un bambino; e come un lattante, succhiavo.
Quando, dolcemente, mi staccò, si tirò su il reggiseno…e poi guidandomi con la sua mano mi fece entrare in lei.
“Non muoverti- sussurrò- faccio io…” Agitava leggermente su e giù il ventre ed io , immobile con le mani puntate sul letto , ansimavo dall’emozione e dal piacere; lei con le mani mi accarezzava , mi stringeva e strizzava i capezzoli,
A volte, mettendomi la mano dietro al capo, mi attirava verso di sé e penetrava la lingua nella mia bocca; a volte inumidiva il dito indice nella sua “rosa” e me lo faceva succhiare.
“Sei contento caro?…- disse ad un tratto-
“Sono felice…” ansimai…”
“Vedi..oggi ti sei comportato bene; finalmente ho visto l’omettino che tanto desideravo, gentile, apprensivo verso di me, obbediente… proprio bravo…; e vedi che premio ricevi; cosa dici, per questo premio che ti concede, alla tua…, alla tua… chi sono io per te ? la tua …la tua … su coraggio…dimmi cosa sono io per te? : la tua …
“Pa…- tremavo come una foglia scossa dal vento e non riuscivo ad andare oltre questo monosillabo- …pa…

“Su dillo scioccone…che non vedi l’ora di poterlo gridare -aggiunse sorridendo e stringendomi i capezzoli; e poi scandendo le sillabe-…la tua pa dro na…pa dro na…”
A questa parola trasalii; era quello che, inconsciamente , desideravo sentire; forse un sogno ancestrale, mai affiorato, che finalmente si realizzava.
“Grazie mia padrona –risposi- per questo meraviglioso premio che lei ha voluto con tanta generosità darmi; so che non mi merito tanto… per me è già la massima felicità poter essere oggetto della sua attenzione, poterla servire, poter obbedire ai suoi ordini…”
“Oh…, caro; … la tua padrona non ti dà ordini ma manifesta solo desideri…So che ora ti comporterai sempre così: però, quando siamo con parenti od amici od in ambienti in cui ci conoscono, o conoscono solo te e solo la tua padrona, tu dovrai chiamarla come hai sempre fatto, con il suo nome: Carla, dandole del tu…”
Io bevevo le Sue parole che mi eccitavano come avrei mai immaginato; e non ero sorpreso per la naturalezza con cui avevo chiamato mia Moglie, Padrona dandoLe del “ lei”. Anche mia moglie ne aveva assunto con naturalezza il ruolo e notavo che( ed al pensiero mi venne da sorridere e la mia Padrona fece finta di non accorgersi di questa mancanza di rispetto), come Giulio Cesare, parlava ormai in terza persona; il soggetto non era “io”, ma “la tua Padrona.
“..Anche in questi casi manterrai , salvo darle del tu e chiamarla Carla, tutti gli altri comportamenti: deferenza, assoluto adeguamento ai suoi desideri (tu puoi chiamarla assoluta obbedienza); non parlerai se non con implicito permesso che ti darà anche solo con uno sguardo, e gli argomenti che sosterai non potranno in nessun caso derogare, nemmeno per un inezia, da quelli espressi dalla tua Padrona…Quando presenterai la tua padrona a qualche tuo conoscente, o collega od altro, non dovrai dire: “ le presento mia moglie” ma “…la mia signora”, alla quale , anche in questo caso, darai del tu e chiamerai Carla…; chiamerai la tua padrona “mia signora” anche quando saremo in locali pubblici, dandole naturalmente del “lei”; lascerai ogni iniziativa a lei e quando un cameriere viene con il menù od il conto tu dovrai respingere dicendo “Alla mia signora, prego…; e sarà la tua padrona a scegliere ed ordinare anche per te…”
“…Si, mia Padrona…”
“Caro, e questo non te lo ripeterà più, devi rispondere solo quando la tua Padrona te lo chiede esplicitamente…perché il tuo assenso ai suoi desideri è ovvio e non necessita quindi di alcuna conferma…La tua padrona spera che il tuo comportamento non la debba mai contrariare: le punizioni che ti infliggerà, per quanto dolorose fisicamente ed umilianti psicologicamente possano apparire, dovrai sempre recepirle come un segno della sua benevolenza e generosità; anche quelle a cui sarà costretta in pubblico perché tutto è finalizzato alla tua educazione; prima e dopo ogni punizione, dovrai sempre metterti ai suoi piedi e dire: grazie mia padrona…”
Mentre parlava, la mia Padrona, rallentava o aumentava il movimento del ventre paralizzando così ogni mia possibile volontà.
“Per il resto- aggiunse- anche quando siamo soli: dovrai sempre chiamarla “mia Padrona” dandole del “lei” : Non andrai a dormire né prima né dopo la tua padrona alla quale dovrai toglierle le calze, i vestiti, massaggiarle i piedini e, se te lo consente, baciarglieli…Al mattino ti alzerai di buon ora, luciderai le sue scarpe, puoi anche farlo con la lingua ma il risultato deve essere perfetto, e quando la tua padrona si sveglia, dovrai essere pronto ad infilarle calze ,i vestiti , e, quando sarai maturato, laccarle le unghie, spazzolarle i capelli, e chissà, se lo meriterai, che un giorno la tua padrona non ti permetta di metterle il rossetto…”
A queste parole la mia eccitazione aumentò a dismisura e stavo per rispondere…”si mia Padrona…”ma mi trattenni.
“Ora caro, esci…”.
Rimasi come interdetto e forse non compresi; non mi mossi.
“ Esci, ho detto!...” ripeté con durezza.
Mi trassi e rimasi quasi imbambolato a guardarla.
“E’ così che pensi di comportarti- disse con durezza e con rabbia- questo significa che tutto quello che ho detto prima è cancellato…”
“No, mia Padrona…”
“Niente mia padrona, evidentemente non lo meriti, non ne sei all’altezza, sei un buono a nulla ; tutto torna come prima…”
A questo punto mi sentii perduto e mi gettai bocconi ai suoi piedi.
“La imploro di perdonarmi, la supplico…- mugolavo quasi piangendo mentre le leccavo i piedi- la supplico..mi perdoni…mi perdoni…”
“E’una mancanza imperdonabile…ma voglio metterti alla prova…offri a quella che tu non vuoi perdere come padrona- era tornata a parlare in prima persona e questo mi angosciò- offri un qualcosa che possa espiare la tua mancanza…poi giudicherò…Ad esempio puoi spargere dei ceci, od altro che tu ritenga più adeguato all’espiazione, in quell’angolo contro il muro e inginocchiarti, tenendo le mani incrociate sul capo se no chissà cosa faresti con le mani libere, per un certo tempo…diciamo un’ora…”
“Un’ora!?!...”
“Due…e, da come ti comporterai, giudicherò se meriti, per questa volta, il perdono…”
Andai in cucina e presi, anziché i ceci, il pacchetto di sale grosso.
Ebbi la sensazione che lei apprezzasse.
Lo sparsi, mi inginocchiai sopra incrociando le mani sui capelli; il dolore era lancinante, ma sopportavo stringendo i denti; dopo due ore mi alzai; mia moglie non guardò nemmeno le ginocchia che sanguinavano e mi disse.
“Come mai già in piedi?”
“Sono passate le due ore…”.
“Il tempo lo do io, non l’orologio…”
Mi inginocchiai nuovamente e non so quanto tempo passò prima che mi dicesse : “Puoi alzarti!...”
Mi si avvicinò , mi passò la mano nei capelli, e mi disse “Da bravo, vai in bagno a pulirti del sangue e disinfettati le piaghe…”
Quando tornai mi prese per mano.
“Per questa volta la tua padrona ha deciso, nonostante il gravissimo affronto subìto, di perdonarti;
ora ringraziala per la sua generosità…”.
Scoppiando dalla gioia e tremando mi gettai ai suoi piedi.
“La ringrazio, mia Padrona per la Sua generosità che so che mi è immeritata…non succederà mai più…” singhiozzavo, dalla gioia, continuando a baciarLe i piedi.
“ Su, ora a letto…e mi raccomando: le mani sopra le coperte…”.


+++

Da allora la mia Padrona non mi ha più fatto entrare nella sua “rosa”, né mi ha concesso il suo miele (però ogni tanto mi consente di dormire con le mani sotto le coperte).
Ma io sono tanto felice, perché la mia Padrona e buona e generosa; certo è severa e rigorosa e spesso è costretta a punirmi Io non so, perché ovviamente non le motiva, quali mancanze abbia commesso per essere punito; Però sono consapevole che, per quanto avvilenti psicologicamente e dolorose fisicamente, se la Padrona prende questa decisione, è per il mio bene.

Ora, oltre a svestirLa e vestirLa, Le lacco le unghie,Le spazzolo i capelli, da qualche giorno Le tolgo e le sistemo il reggipetto a volte mi consente di sfilarLe le mutandine e non dice nulla, fingendo di non accorgersene, se io le annuso e le bacio. Chissà che uno di questi giorni non mi permetta di metterLe il rossetto (operazione alla quale mi sto preparando da tempo su me stesso anche se questo comporta un lavoraccio per toglierne poi le tracce…).
L'altro pomeriggio, il caldo e l'afa erano soffocanti, ha voluto che Le rinfrescassi i piedini con acqua fresca. Ho messo l'acqua in una brocca ed in terra, per raccoglierla, una bacinella: Mentre Le stavo asciugando un piedino, ho sentito che con l'altro mi spingeva giù il capo, fino ad immergerlo nella bacinella: Ho bevuto così, con una gioia immensa, quell'acqua che aveva rinfrescato e lavato i Suoi piedini e, per non perderne l'ebbrezza, ho leccato la bacinella fino ad asciugarla e pulirla del tutto. E Lei, la mia Padrona, porgendomi il piedino da baciare mi ha detto: bravo...
Penso che sia soddisfatta di me anche se alcune volte è costretta a punirmi sculacciandomi con la sua pantofolina rosa. Devo confessare che per me non è una punizione ma un premio perché sono consapevole che è un’attenzione che mi presta per migliorarmi. Come Le sono grato della punizione che mi ha regalato in pizzeria quando, per una mia grave mancanza,( un gesto di insofferenza, che può competere solo a Lei, verso il cameriere) mi fatto servire una ciotola (di quelle che normalmente si usano per l’insalata) e me l’ha fatta riempire di pane e acqua (che è stata la mia cena quella sera). Alla cassa, prima di uscire, e di fronte a tutti, ha chiamato il cameriere ordinando di inginocchiarmi ai suoi piedi e di chiedergli scusa a voce alta.
Giunti a casa si è svestita da sola e qui ho capito che la mia mancanza era stata davvero grande.
Allora, senza dir nulla, ho steso nell’angolo del muro il sale grosso, mi sono inginocchiato incrociando le mani sul capo; mi ha lasciato lì tutta la notte e poi al mattino, come se nulla fosse, mi ha permesso di rialzarmi e di servirLa

Grazie per la Sua bontà e generosità, e per la Sua saggezza, mia sublime Padrona.

Ghibel

Vota la storia:




31/03/2015 15:52

FRANCO

fai bene, però non esagerare gli estranei non c'entrano cosa c'entrava il camerierie e poi il sale. madai

28/06/2015 01:46

agrippa

I commenti sono prevenuti; queste persone non conoscono la dolcezza di sentirsi totalmente della Padrona; poveretti. Sono passati alcuni anni da quel primo giorno; Ora la Mia Padrona mi ha dato una grande prova di fiducia e sono io che svolgo tutti i lavori domestici, compresa la lavanderia: Da qualche mese, in considerazione –credo- del mio buon comportamento, mi ha assegnato anche di lavare a mano la sua biancheria intima, questo mi ha reso felice perché prima di lavarla posso inebriarmi dei suoi profumi ed anche a volte, se sono solo, di indossarla. Certo qualche volta la Padrona non è soddisfatta e mi punisce, ma io sono lieto perché la punizione implica una Sua considerazione verso di me e la Sua ansia di migliorarmi. Da qualche tempo, anziché con il suo nome di battesimo, mi devo rivolgere a Lei chiamandola “Signora Carlini” che è il suo cognome di ragazza; ed io sono felice quando qualcuno mi chiama :signor Carlini. Lei mi ha cambiato il nome e mi chiama Paperino ed io quando mi rivolgo a Lei prima devo sempre presentarmi dicendo “Quak quak, quak”. Questo diverte molto le Sue amiche che anche loro, quando vengono in casa per passare un po’ di tempo con la mia Padrona, mi chiamano Paperino quak; e io sono lieto che questo le diverta e dia loro serenità. L’altro giorno era l’anniversario delle nozze; nozze d’argento. La Padrona è venuta nel mio studio mentre ero al tecnigrafo, mi ha fatto inginocchiare ai Suoi Piedi, e poi mi ha permesso di baciarle il ginocchio… Ero in estasi.

12/09/2012 22:08

eros

se è tutto vero, sei proprio un uomo di merda.....

12/09/2012 08:46

JULIA

ALLORA VUOI VEDERMI MENTRE MI TROMBO TUA MOGLIE DPACCANDOGLI IL CULO E SBORRANDOLE IN FACCIA?????????????

10/09/2012 22:19

THE PUNISCHER

Eccomi, pronto a umiliarti e punirti con la mia verga difronte la tua padrona. cimasifa@libero.it

10/09/2012 17:29

JULIA

CIAO SERVO DOMANDA ALLA TUA PADRONA SE DESIDERA VEDERTI IMPALATO MENTRE MI FA UN SUCCULENTO POMPINO CON INGOIO. SE SI FAMMELO SAPERE ROTTINCULO CHE NON SEI ALTRO

08/09/2012 12:49

Save

Pirla e imbecille. Ha ragione. Dovrai anche fargli un bel pompino....

08/09/2012 07:51

Coglione

Sei proprio un coglione... Un servo del diavolo...

07/02/2014 22:11

Max45

Posso capire la passione per i piedi femminili, ma essere schiavo di una donna fino a questo punto è davvero da malati che hanno bisogno urgente di farsi curare!

06/09/2012 15:44

JULIA

E, DAI NON MORTIFICHIAMOLO ANCHE NOI MA FACCIAMO IN MODO CHE CI PRESENTI LA SUA PADRONA E POI LA IMPALIAMO COME SI DEVE COSI CAPISCE CHE CHI MENA LE DANZE NON E LEI, LEI AL MASSIMO PUO MENARCI IL CAZZO E FARSI SBORRARE IN BOCCA

06/09/2012 02:42

bis

ma e mai possibile che abboccate tutti ?ci cascate dentro con tutte le scarpe.Già dalla metà del racconto si capisce che è un enorme cagata ,tale che si sente la puzza anche attraverso il pc

05/09/2012 22:27

figo

ma sei scemo io nn mi farei ai comandare fino a quel punto ma neanche se mi dicesse di svestirla io le risponderei che ha mani e gambe e quindi di arrangiarsi. sei un minchione se continui anche solo a chiamerla padrona devi essere uomo devi essere colui che comanda nn tua moglie. la devi smettere io la lascierei all'istante subitissimo e me ne troverei una da poter inculare ogni notte

04/09/2012 17:05

JULIA

PIRLA FRA UN PO TI FARA INCULARE DAL SUO AMANTE CHE LA SCOPA AVANTI E DIETRO RIDENDO DI UN POVERO COGLIONE86342

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!