Rosalia al cinema

Ciao sono sempre Rosalia da Palermo e mi piace sempre mettere le corna a mio marito ieri ero come al solito sola a casa e mi stavo annoiando allora ho deciso di andare al cinema.
Mi sono vestita in modo sbrigativo indossando un paio di pantaloni, e una maglietta, Appena arrivata sono entra dirigendomi nella sala di sopra per avere un migliore visone. Era quasi vuota; mi siedo nella prima fila, quella più in alto proprio dietro ad una grossa colonna di colore rosso.
Nella sala c'era solo un signore grasso sulla cinquantina seduto a distanza di circa 4/5 metri da me e due ragazzi un paio di file più avanti.
Osservai attentamente il signore seduto alla mia destra e vidi che armeggiava con il suo caz zo.Provai a concentrare lo sguardo per meglio capire e soprattutto per vedere le dimensioni. Ero intenta a gurdare muovendo la testa per cercare di cogliere al meglio quel poco di luce che arrivava, quando lui si gira verso di me e mi guarda. Si ferma e risistema il cazzo dentro i pantaloni. Avevo visto poco ma ero sicura che in ogni caso si trattasse di un arnese di tutto rispetto. All'improvviso si alza e fa come per andersene, così io lo seguo con lo sguardo fisso nella patta dei pantaloni. Scompare dietro la colonna alle mie spalle, cerco di muovere la testa ma non lo vedo più. Peccato avrei voluto guardare ancora
Due minuti dopo avverto una presenza dietro la colonna ma non ci faccio molto caso perchè mi ero lasciata prendere da una scena del film. Subito dopo sento che qualcosa mi tocca i capelli. Poi di nuovo e poi un'altra volta ancora, mi giro e vedo l'uomo di prima con il cazzo di fuori. Sono sorpresa e impaurita, mi si strozza in gola l'impeto di gridare non appena un raggio di luce colpisce il cazzo dell'uomo. E' enorme! Grosso e lungo, con una cappella che sarà due o tre volte quella di mio marito. Faccio finta di niente e mi risistemo nella poltroncina portandomi con il corpo un pò più in basso per poggiare la testa sulla spalliera. Era una situazione intrigante e molto sensuale. Mi sentivo attratta da qual arnese di carne. Lui si avvicinò e comincio a strusciarmelo ancora sui capelli, io dapprima rigida cominciai a rispondere muovendo la testa per sentire quella enorme cappella. Cominciò a strofinarmi il cazzone sul viso, era caldo, grosso e pulsava

Mi sono girata ho guardato lo sconosciuto in viso e con la lingua gli ho fatto cenno di spingermelo in bocca. Cominciai a pompare e a slinguare a più non posso. Lui ogni tanto lo usciva e me lo sbatteva sulla labbra e sulla lingua. Ero assatanata, non capivo più niente. Vedevo e assaporavo solo quell’enorme bastone di carne. Mi alzai la maglietta e feci scivolare le tette fuori dal reggiseno per strofinarmi il cazzo sul capezzoli turgidi. Subito dopo lui si abbassa e mi dce "puttana vieni nel bagno che ti chiavo".
Non sapevo cosa fare ma ero eccitata e tutta bagnata, tanto che mi infilai la mano nei pantaloni alla ricerca del mio sticchio (per chi non conosce il siciliano Fica) per cercare di calmarla un pochino con un rapido ditalino.
Mi alzai per andare verso i bagni, ansimavo e mi tremavano le gambe per l'emozione. Però ero nel contempo decisa a prendere quell'enorme cazzone in tutti i buchi.
I bagni si trovano fuori dalla sala, a destra uscendo quelli degli uomini e a sinistra quelli delle donne non vedo lui, dovè sarà? dove vado? Guardo in giro e all'improvviso lo rivedo nel reparto uomini con il cazzone in mano che mi fà segno di avvicinarmi.
Mi avvicino, lui mi prende e a forza mi fa abbassare e mi scaraventa il cazzone in bocca. Lo succhio e lecco per un paio di minuti. Mi alza, mi mette con il culo contro il suo cazzo , mi abbassa i pantaloni e comincia delicatamente a spingere il cazzo dentro la mia figa. E' tutto dentro, è enorme ma è tutto dentro. Mi sento impazzire, piena e sconvolta. Comicio a roteare il culo e a dare colpi anch'io. Mi chiava per un quarto d'ora fino a quando mi ordina di abbassarmi ancora per chè vuole venirmi sulle tette.
Obbedisco. Mi accoscio e prendo le mie tettone in mano offrendogliele per una calda sborrata. Lui si mena il cazzo sopra le mie tette e a due centimetri dal mio viso. Sono estasiata esco la lingua e con la punta lo lecco con sapienti colpi di lingua all'improvviso appare un ombra, guardo e vedo uno dei due ragazzi che erano dentro la sala. Mi vergogno e cerco di alzarmi ma l'uomo con il cazzo di fuori comincia a sborrare con potenti schizzate che mi fanno perdere la testa. Gli afferro il cazzo e continuo l'opera con la mia mano. Porto il cazzone al viso e mi faccio riempire tutta. Poi lo lecco e infine lo ciuccio tutto.
Riguardo per veder se ancora il ragazzo si trovava li ma non lo vedo. Mi pulisco come meglio posso mi riordino, saluto l'uomo che dice di chiamarsi Sergio che nel frattempo mi porge un fogliettino di carta con un numero telefonico cellulare, ed esco per andare nel bagno delle donne per pulirmi meglio. Ho ancora della sborra che mi cola dal viso. Il corridoio è vuoto, meno male penso il ragazzo è andato via. Ma non sapevo che neanche tre minuti dopo si sarebbe ripresentato in compagnia. Appena sistemate esco dai bagni come se nulla fosse, ma nel corridoio vedo il ragazzo in compagnia dell'altro. Arrossisco, chino lo sguardo e facendomi forza cerco di passare oltre. Uno dei di due si avvicina e mi dice che mi hanno vista nei bagni e che il servizietto piacerebbe anche a loro. Io in preda la panico non so cosa dire e fare. Cerco scuse e dico che è stato un caso, avevo perso la testa un attimo.........A forza vengo fatta abbassare e apostrofata con "troia succhia questi due cazzi". Non mi oppongo più, ho già un cazzo in bocca ed uno in mano. Certo non sono grossi come quello di prima ma non sono male e poi sono "giovani".
Lecco e succhio per 5 minuti abbondanti e poi dico ai ragazzi che la signora troia vuole essere chiavata e sborrata in viso da questi cazzi turgidi. Prendo in mano i cazzi dei ragazzi e li guido verso i bagni degli uomini. Mi abbasso i pantaloni e dico " uno in fica ed uno in bocca". Così cominciano a fottermi alternandosi per almeno 10/15 minuti. Sono al settimo cielo, erano anni che non scopavo così intensamente. Mi appoggio al muro divarico il mio culone dico " uno alla volta inculatemi ma non sborrate perchè la voglio in faccia".
Sentivo i cazzi, senza vedere il padrone, entrare ed uscire dal mio culo sempre più largo ed accolgiente. Prima uno e poi l'altro e poi ancora il primo e poi l'altro di nuovo.
Poi mi sono accosciata di nuovo, li ho presi in bocca per slinguarli a dovere e per portarli al massimo dell'eccitazione in modo da raccogliere due copiose sborrate .Cosà avvenuta 20 secondi dopo .Hanno schizzato insieme bagnandomi tutto il viso e le labbra .Mi hanno spalmato la sborra con i loro cazzi anche dentro il naso. Ero piena, affogavo nello sperma.

Vota la storia:




25/09/2015 18:31

Maurizio

Complimenti......anche io sono di Palermo.....ci incontriamo????

25/09/2015 18:27

Harry

Rosalia io sono pronto per te dimmi solo quando

25/09/2015 17:54

Rosalia

Grazie Gianni. Per scoparmi vieni a Palermo

25/09/2015 16:16

gianni

bel racconto mi piacerebbe scoparti a dovere ciao

24/09/2015 23:00

Harry

Dimmi tu quando vuoi che ci mettiamo daccordo XD

24/09/2015 17:57

rosalia

ok

24/09/2015 17:26

Harry

Se vuoi ci vedimo in un punto ad un determinato orario e ci conosciamo di presenza

24/09/2015 10:16

rosalia

non lo sapevo allora come facciamo

24/09/2015 10:14

Harry

Vedi che per regolamento non si possono scrivere ne email ne numeri di telefono

24/09/2015 07:29

rosalia

harry lascia una tua email

24/09/2015 02:33

Harry

Tutto benee tu??

23/09/2015 23:56

UnQualcuno

Ey rosa ma quanti corni avrai messo a tuo marito?

23/09/2015 08:23

rosalia

ciaoo Harry come va

23/09/2015 02:02

Harry

Io sono di Palermo vuoi conoscermi??

17/09/2016 23:56

Rino69

Ciao complimenti se vuoi squirtare contattami

11/11/2015 11:23

Franz

Come racconto è un bel racconto, forse però di fantasia. A meno che non si tratti di un cinema porno, ormai pochissimi, le sale cinematografiche a parte pochissime eccezzioni sono abbastanza piccole e frequentate nessuno sarebbe così folle da tirarselo fuori e scopare la scrittrice. Spero di sbagliarmi e che Rosalia dia appuntamento ai due lettori, il prossimo racconto potrebbe essere scritto a tre mani...

08/10/2015 22:25

HARRY

rosaliaaa quandoo ci vediamooo come ho detto pure io sono di palermo

06/10/2015 14:00

roberto

sono di palermo mi piacerebbe tanto tanto conoscerti....

04/11/2015 20:03

boris

rosalia scrivi bene ma...sei un bluf ???

03/10/2015 15:34

emma

Complimenti Rosalia, stupenda avventura. Una piccola nota di invidia per quello che ti è successo.

01/11/2015 03:56

gabriele

Ciao Rosalia , anche io sono di Palermo, ti va di vederci?

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!