• Pubblicata il:
  • Autore: LINA ESSE
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: LINA ESSE
  • Categoria: Racconti orge

UN'ORGIA CON MIO MARITO - parte prima - Barletta Andria Trani Trasgressiva

UN'ORGIA CON MIO MARITO - parte prima

Io e mio marito Bastiano stavamo insieme da 26 anni, di cui 22 da sposati, con un figlio 21enne trasferito a Cagliari per laurearsi in Giurisprudenza. Come succede spesso a tante altre coppie mature, il nostro matrimonio era in crisi profonda. I nostri rapporti intimi erano rarissimi, e si basavano quasi esclusivamente sul sesso orale. Ricordo che l'ultima volta mi aveva praticamente costretto a fargli un pompino e a ingoiare lo sperma, pur sapendo che non sopportavo quel sapore dociastro e nauseante.
E poi si era rifiutato di scopare e mi aveva leccato la bagassa in fretta, facendomi quasi male.
L'estate scorsa, lui ha insistito per invitare a cena due importanti colleghi di lavoro. Sperava che potessero aiutarlo ad avere una promozione e mi ha chiesto di preparare qualcosa di speciale.
Esaurita la cena a base di Cannonau e cinghiale, ho portato la torta di sapa in salotto e abbiamo giocato a "scala quaranta con penitenza". Cioè, chi perdeva la partita, un indumento doveva togliersi. Io ero già un po' brilla e ho perso due manches consecutive levandomi le scarpe e le calze. I suoi amici idem, e avevano fatto come me. L'unico che vinceva era Bastiano, mio marito. A un certo punto si è alzato.
- Hey gente, vado in centro a comprare tre bottiglie di Vermentino, intanto continuate voi...
Dopo un'ora non era ancora tornato e io ero rimasta in slip e reggiseno.
Quando mio marito è arrivato, mi sono resa conto che la situazione era molto imbarazzante e ho pensato che il nostro matrimonio fosse al capolinea. Invece lui ha reagito in modo del tutto inaspettato, ha stappato una delle tre bottiglie e me l'ha versata addosso lentamente. Sul collo, sulla schiena sul petto, sulla pancia, sulle gambe. E meno male che faceva un caldo boia. Gli altri due, rispettivamente in mutande e calzini, e mutande e camicia, come pazzi ridevano. Non so, sembrava che fossero tutti daccordo.
Poi ha riempito una prima volta i nostri quattro bicchieri e abbiamo brindato. Ha raccontato due o tre barzellette volgari e giù con un altro brindisi. Ero cotta come una gallina, ho inventato una scusa e sono andata a riposare sul letto.

CONTINUA

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI